Capacita’ di Vedere

vedereQuesta foto mi è stata regalata da un amico. Gli mando un grosso bacio, perchè mi dà la possibilità di parlare dei cormorani. Questi sono esemplari giovani, gli adulti hanno un piumaggio nero. Mi piace osservarli quando, appollaiati sui rami degli alberi, lungo il Sile (il fiume che attraversa Treviso), alzano la loro testa fiera e aprono le ali per asciugarle al sole. Sono pieni di dignità. 

Questi uccelli hanno una caratteristica particolare: sono tra le poche specie ad avere gli occhi mobili, così possono vedere e catturare più pesci.

E noi? Riusciamo a vedere? riusciamo a vedere oltre? A volte mi sembra proprio di no.

Imprigionati nei nostri pensieri, nelle nostre abitudini, schiavi delle nostre paure, ci teniamo stretto quello che abbiamo, incapaci di capire che, cambiando visione, possiamo migliorare la nostra vita.

Nella vita tutto è in movimento, nulla è fisso, tutto è migliorabile.

Troppo spesso non riusciamo a fare ciò che possiamo fare.
Alcune catene ce le costruiamo noi, attimo dopo attimo, esperienza dopo esperienza. Molto spesso, per non “morire” ci riempiamo di impegni, incapaci di gestire i momenti in cui la testa dovrebbe pensare. E’ importante invece, quando ci troviamo oppressi e schiavi, far chiarezza, cambiare punto di vista. E’ importante cercare chi è in grado di fare un po’ di cammino insieme a noi, cercare chi ci può aiutare a capire cosa vogliamo, cercare chi ci può aiutare a mettere ordine e disciplina nella nostra mente.

A volte basta poco, perché non provare?

Un abbraccio nella forza del voler provare

Questa voce è stata pubblicata in blog. Contrassegna il permalink.