Fili

fili

Quando incontro le persone, mi accade spesso di sentirle intrappolate, avvolte da fili invisibili, solidi, malefici. Sono fili che noi stessi ci costruiamo: abitudini, luoghi comuni e condizionamenti ci portano troppo spesso a vivere inconsapevoli di noi. E’ come se percorressimo antichi tratturi da cui è impossibile uscire. La strada è quella. Che ci possiamo fare?

Noi abbiamo la possibilità di conoscere ciò che ci trattiene, ciò che fa di noi gli schiavi di noi stessi. Abbiamo la possibilità di guidare la nostra coscienza, di sollevarla verso cieli limpidi e di conoscere quei fili che ci intrappolavano.

Questa foto che mi è stata regalata da mio fratello è molto esplicativa: tutto può essere chiaro e presente, tutto fa parte di noi, tutto è noi, ma se apriamo gli occhi, se ci prendiamo per mano ecco che tutto diventa più semplice. Come?

Uno dei passi è quello di comprendere e lavorare sulla nostra dignità.

Chi mi conosce sa che il mio modo di intendere è sempre basato sui piccoli passi, perciò, anche quando parlo di dignità, parto dalle piccole cose. La cura fisica di se stessi è una di queste. Se vi va di cominciare un certo cammino, potete rispondere ad una serie di domande:

  • Sono soddisfatto del mio aspetto fisico?
  • Ho cura del mio corpo?
  • Mi nutro in modo corretto?
  • La qualità del mio sonno è buona?
  • Bevo l’acqua necessaria al mio fisico?
  • Faccio movimento fisico?
  • Vivo in un ambiente pulito ed ordinato?

Sembrano domande banali, ma a qualcuna non avrete risposto in modo soddisfacente e allora? Allora cominciate a lavorare da quel punto. Programmatevi, organizzatevi, prendete tempo per voi.

Il tempo preso per noi stessi è prezioso. Più stiamo bene, più siamo in pace con noi stessi, più possiamo dare agli altri.  Se siamo scarichi, sofferenti, demotivati le nostre relazioni saranno “malate”, “oppresse” e noi non potremmo godere di una vita soddisfacente.

Abbiate la forza di prendervi per mano e di farvi ogni giorno un piccolo dono. La cura di sé  non è altro che questo: una carezza fatta a noi stessi. Buon lavoro e buon cammino a tutti.

Un abbraccio

Michela

 

Questa voce è stata pubblicata in blog. Contrassegna il permalink.