Parliamo di acqua

 P1110935Mi piace molto questa foto che mi ha regalato mio fratello. E’ l’acqua che amo, calma, limpida, rassicurante e gioiosa. E’ l’acqua che dà vita e nutrimento. E’ l’acqua che aiuta a portar via i pensieri.

Acqua.

Il nostro corpo è fatto anche di acqua. Per questo dobbiamo imparare a bere esattamente come la natura ci mostra:

  • Troppa acqua nuoce. Le piante, se troppo irrorate marciscono e muoiono. Se soffrite di problemi cardiaci seri e dovete prendere necessariamente dei diuretici, chiedete al vostro medico quanto potete bere. Comunque la dose consigliata a chi sta bene è di un litro e mezzo/due litri al giorno.
  • E’ bene bere a piccoli sorsi: una pianta irrorata in fretta, non riesce ad assorbire in modo adeguato nè l’acqua, nè le sostanze nutritive che vi sono sciolte.
  • Un bicchiere di acqua tiepida, presa al mattino, aiuta chi soffre di stipsi. L’intestino, per funzionare bene, ha bisogno di acqua.
  • Ricordate di bere a piccoli sorsi. Nell’antica Cina “masticavano” l’acqua”.
  • Bevete prima di avere la sensazione di sete. Quando si sente sete, l’organismo è già in allarme.
  • Se avete in casa delle persone anziane, sollecitatele ad idratarsi: l’anziano perde il bisogno di bere.

Sono piccoli consigli che già conoscete, ma spesso conviene rinfrescare la memoria.

Ora comunque facciamo un piccolo esercizio con l’acqua.

Sedetevi comodi in un posto tranquillo. Fate tre bei respiri e chiudete gli occhi. Ascoltate il vostro respiro e, quando sarà calmo e voi sentirete che le maggiori tensioni del corpo se ne sono andate, immaginate un corso d’acqua.

La corrente è lenta.

Potete sentire il fluire di questo fiume.

Ora immaginate di veder passare delle grandi foglie: sono i vostri pensieri, le vostre preoccupazioni, tutto ciò che vi angustia se ne va.

Restate in rilassamento fin quando sentite di essere più tranquilli, poi, con un bel respiro profondo, aprite gli occhi sorridendo.

Grazie per avermi letto  e, mi raccomando, acqua in bocca….ma questa potrebbe essere anche un’altra storia

Questa voce è stata pubblicata in blog. Contrassegna il permalink.